Blog

ARRAMPICARE IN LOMBARDIA Parte 1

ARRAMPICARE IN LOMBARDIA Parte 1

Arrampicare, conquistare una vetta con i piedi e con le mani, è un tesoro che rimane per sempre e che vale – sempre – la fatica dell’ascesa. Riuscire a vedere un paesaggio dall’alto di una parete, e poi tornare in Rifugio per condividere le emozioni con chi davvero sa di cosa stiamo parlando è un’esperienza imperdibile.

La Val di Mello

Tutto il mondo dell’arrampicata conosce la Val di Mello e il suo spettacolare granito. Le vie in questa località non sono considerabili facili, soprattutto perché bisogna saper integrare. Vi proponiamo uno degli itinerari “propedeutici”, ideale per chi non ha mai arrampicato in via sul granito di questa bellissima valle della Valtellina. Alba del Nirvana è una via storica aperta nel 1976 a Ivan Guerrini e rappresenta un sunto dell’arrampicata su placca granitica tipica della Val di Mello. Avvicinamento: Si prende il sentiero di fondovalle fino a Cà di Carnia. Sulla sinistra incontreremo il sentiero che entra in Val Qualido che si percorre in salita fino ad un grande sasso con segnavia. Da qui prendere a destra fino alla placca di “Stomaco Peloso”. La via è piuttosto frequentata quindi la traccia è evidente. Giunti all’attacco di Stomaco Peloso si scalano i primi due tiri di questa via: Placca liscia primo chiodo a 12 metri (tenere la salita sulla sinistra che è più facile). Si segue una fessura (facile) e dove finisce su placca. Sosta su albero. Si risale il diedro sulla destra fino ad un albero. Ora spostarsi sulla desta, superare un risalto. Per roccia appoggiata si raggiunge il bosco sospeso. Sosta su albero.

Lo Spigolo delle Capre, Aviolo

Uno splendido spigolo immerso tra le montagne granitiche dell’Adamello. Una classica della zona di 12 tiri, divertente e su buona roccia. Non bisogna farsi spaventare dal numero di tiri, la scalata dello Spigolo delle Capre è divertente e su roccia facile di IV° e III° grado. Il panorama permette di dimenticare tutta la fatica. Accesso e avvicinamento: Da Edolo dopo il passaggio al livello si svolta a destra per Malga Stain. Si sale la strada con diversi tornanti fino al parcheggio in località Pozzolo. (1500m) Dal parcheggio seguire la strada in piano fino alla malga dove si svolta a destra su sentiero. Ora in rapida salita si prosegue nel bosco fino a raggiungere i ghiaioni alla base della parete. Risalire i ghiaioni fino ad un tornante a sinistra sotto una parete. Abbandonare il sentiero e prendere a destra verso la bastionata del Monte Avilo (ometti). Raggiungere la base del diedro segnalato con un cordino. (2 ore e 30m).

Troverete la bellezza di 10 stazioni di sosta lungo la via di salita, fino ad arrivare alla vetta, dove potrete mettere in mostra tutta la vostra abilità nella scalata. Salire per terreno detritico fino ad intercettare (seguire gli ometti) la via normale al Monte Aviolo e raggiungere la vetta. Discesa per la via normale su terreno instabile e ghiaioni, segnalato.